MiFID

La Direttiva europea sui mercati degli strumenti finanziari.

La Direttiva MiFID - Markets in Financial Instruments Directive è entrata in vigore in tutti gli Stati dell'Unione Europea il 1° novembre 2007 proponendosi di creare - a livello europeo - un mercato finanziario più integrato e concorrenziale, rafforzando nel contempo la tutela per l'investitore.

La direttiva introduce infatti importanti novità nell'ambito della disciplina dei mercati, dei servizi e degli strumenti finanziari.

Le nuove norme prevedono, fra l'altro, l'obbligo di effettuare la classificazione dei Clienti sulla base di tre nuove classi, in ordine crescente di competenza, a ognuna delle quali viene attribuito un diverso grado di tutela, inversamente proporzionale al livello di competenza: Cliente al dettaglio (non professionale), Cliente professionale, Controparte qualificata.

La Banca è tenuta quindi ad adottare per ciascuna delle tre classi differenti regole di condotta in merito a:

  • obblighi informativi, prevedendo l’esplicita accettazione da parte del Cliente relativamente alle modalità di trasmissione ed esecuzione degli ordini
  • valutazione di appropriatezza/adeguatezza dei servizi di investimento offerti al Cliente o da lui richiesti 
  • esecuzione degli ordini del cliente alle migliori condizioni possibili 
  • gestione degli ordini e periodica rendicontazione 
  • informativa sui conflitti di interesse, predisponendo misure idonee a prevenire e gestire le situazioni di conflitto di interesse e, qualora tali misure non fossero ritenute sufficienti, procedendo alla comunicazione nei confronti dei clienti della natura e delle fonti dei conflitti stessi 
  • disciplina relativa alla gestione degli ordini con limiti di prezzo.

Viene inoltre regolamentato il servizio di consulenza personalizzata sulle operazioni finanziarie: solo un Intermediario espressamente autorizzato dall’Autorità di Vigilanza può svolgere il servizio di consulenza in materia di investimenti.

Per dare attuazione alla Normativa MiFID, la Banca deve chiedere ai Clienti le informazioni necessarie a tracciarne il profilo finanziario al fine di verificare l’appropriatezza e l’adeguatezza delle operazioni di investimento poste in essere dai Clienti stessi in relazione al loro profilo di rischio e obiettivo d’investimento.

Di tali elementi si terrà conto anche per l’investimento connesso al servizio di gestione di portafogli eventualmente prescelto dal Cliente. 
 

Segnaliamo inoltre la possibilità di consultare (e all'occorrenza scaricare) le operazioni soggette alla Post Trade Trasparency previste dalla vigente normativa.

Eventuali chiarimenti e approfondimenti presso le Agenzie BPM.
 

Report best execution


La direttiva 2014/65/UE (MiFID II) e il Regolamento Delegato 2017/576 richiedono alle imprese di investimento la pubblicazione del report contente le prime cinque sedi di esecuzione per volume di contrattazioni in cui la Banca ha eseguito ordini di clienti l’anno precedente e i primi 5 broker per volume di contrattazioni ai quali la Banca ha inviato ordini di clienti l’anno precedente, nonché le informazioni sulla qualità di esecuzione ottenuta.

Dati che le sedi di esecuzione devono pubblicare sulla qualità dell’esecuzione delle operazioni per il primo trimestre del 2018 ai sensi del Regolamento Delegato 2017/575


La Direttiva 2014/65/UE (MiFID II) ed il Regolamento Delegato 2017/575 richiedono alle sedi di esecuzione (mercati regolamentati, MTF, OTF, internalizzatori sistematici, market maker e altri liquidity provider) la pubblicazione dei dati relativi alla qualità dell’esecuzione delle operazioni in tale sede con periodicità trimestrale, al più tardi entro tre mesi dalla fine di ogni trimestre. In ottemperanza a quanto previsto dal summenzionato Regolamento europeo, il file è messo a disposizione in formato testo nel meta-linguaggio .xml, ovvero un formato elettronico machine readable che permetta al pubblico, senza oneri, di scaricare, cercare, organizzare e analizzare tutti i dati forniti.

EMIR - Regolamento (UE) n.648/2012 - Art. 38 comma 1- Trasparenza

Il 16 Agosto 2012 è entrato in vigore la normativa Emir - Regolamento (UE) n. 648/2012. Tra i requisiti di trasparenza introdotti dal Regolamento, l'art.38, comma 1 prevede l'obbligo di rendere pubblici i prezzi e le commissioni applicate dalle controparti centrali autorizzate (CCP) e dai loro aderenti diretti in relazione ai servizi di clearing forniti ai clienti.

Banca Popolare di Milano, in qualità di Partecipante Diretto a Cassa di Compensazione e Garanzia, è tenuta al rispetto di tale disposizione. A tal proposito, si precisa che Banca Popolare di Milano applica, in relazione ai servizi di Negoziazione / Raccolta Ordini, e al connesso servizio di clearing, esclusivamente le commissioni di negoziazione previste dagli accordi contrattuali in essere con la propria clientela.

A fronte di tali commissioni, la banca sostiene tutti i costi necessari all'espletamento dei servizi sopra indicati. Per quanto riguarda le commissioni applicate dalle Controparti Centrali autorizzate (CCP) , in applicazione a quanto previsto dall'art. 38 comma 1 del Regolamento EMIR, si riporta di seguito il link al sito di Cassa di Compensazione e Garanzia con il dettaglio delle tariffe da essa applicate a Banca Popolare di Milano.

Ulteriori informazioni